CORTE D’APPELLO DI FIRENZE – ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FIRENZE – SPERIMENTAZIONE DELLA “CHIAMATA IN UDIENZA” CON TELEGRAM

Cari Colleghi,

si comunica che su iniziativa del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Firenze, d’intesa con la Corte d’Appello di Firenze, per garantire il distanziamento sociale e aumentare la qualità dei servizi offerti agli avvocati, presso le sezioni civili della Corte di Appello di Firenze è in corso la sperimentazione dell’uso dell’applicativo Telegram per il corrente periodo emergenziale.

La sperimentazione prevede la creazione di appositi canali (uno per ciascuna sezione) in cui veicolare il ruolo di udienza del giorno e, man mano, la chiamata in udienza secondo l’ordine progressivo indicato nel ruolo stesso, dando all’avvocato la possibilità di conoscere l’udienza che in quel momento viene trattata e,  dunque, di prevedere quando sarà chiamata la propria, evitando così di dover attendere nei locali antistanti l’aula.

La sperimentazione, seguita per la Corte di Appello di Firenze dal Magrif civile Dott.ssa Anna Primavera e dalla Coordinatrice del settore civile Dott.ssa Simonetta Afeltra e per l’Ordine dal Consigliere Avv. Jacopo de Fabritiis nonchè dalla società C.O. Gruppo srl, è già in atto presso la prima, la seconda e la terza sezione civile, con l’obiettivo di renderla operativa in breve tempo in tutte le sezioni.

Al fine di massimizzare la diffusione dello strumento e testarne gli effetti, sia per evitare gli assembramenti che per garantire lo svolgimento delle udienze agli orari indicati nel ruolo, Vi chiediamo gentilmente di partecipare alla sperimentazione, anche ove non abbiate udienze a breve presso la Corte di Appello.

Vi invitiamo a scaricare l’applicativo utilizzando i seguenti link e/o inquadrando, con il Vostro smartphone, uno dei QRcode riportati qui di seguito

2020 10 09 – CORTE D’APPELLO DI FIRENZE – DECRETO N° 343/2020 – AUTORIZZAZIONE SPERIMENTALE ALL’UTILIZZO DI TELEGRAM PER LE CHIAMATE IN UDIENZA DELLE CAUSE CIVILI

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Google Plus
  • Email
Stampa questo articolo Stampa questo articolo